Newsletter


Nome:

Email:

Chi è online

 111 visitatori online

Sei il visitatore n.



Archivio Notizie

Banca Nuova: missione commerciale in Marocco PDF Stampa
Lunedì 03 Febbraio 2014 09:53

Banca Nuova, in collaborazione con l’Assessorato alle Attivita’ produttive del Comune di Palermo, Confindustria Sicilia e la controparte Banque Centrale Populaire du Maroc, ha organizzato una missione commerciale in Marocco, finalizzata alla creazione di nuove opportunita’ di business, nonche’ al consolidamento dei rapporti gia’ esistenti. Il Marocco, Paese chiave nel bacino del Mediterraneo in quanto naturale piattaforma di scambio tra tre continenti (Africa, Europa e America), con un mercato potenziale di circa un miliardo di persone, rappresenta oggi, preceduto soltanto dal Sud Africa, il Paese del continente africano che attrae i maggiori investimenti stranieri (8,3% nel 2012). Il rapporto di collaborazione tra Banca Nuova e Banque Centrale Populaire du Maroc risale al 2009 quando, nel corso di analoga missione, le due realta’ siglarono un importante accordo sulle rimesse degli emigrati e sui flussi di denaro legati ad attivita’ commerciali e, nel tempo, si e’ consolidato creando per le imprese siciliane e marocchine interessanti e proficui scambi imprenditoriali. Alla missione partecipano oltre 30 aziende, principalmente dei settori dell’edilizia e della trasformazione dell’agroalimentare, che saranno impegnate per i prossimi due giorni in incontri B2B con l’Amdi, l’Agenzia Marocchina per lo Sviluppo degli Investimenti, con il CRI, Centro Regionale per l’Investimento e, ovviamente, con oltre 300 buyers locali selezionati tra i migliori clienti della BCP. La delegazione di Banca Nuova, guidata dal presidente Marino Breganze, e’ composta da Silvana Parisi, responsabile della Direzione Imprese della Banca, Giuseppe Milazzo e Francesco Campo dell’Ufficio Estero. Per il Comune di Palermo partecipano l’assessore alle Attivita’ produttive Marco Di Marco e Caterina Guercio. A rappresentare Confindustria Sicilia sara’ il vice presidente Nino Salerno.

“Con la partecipazione di oggi – commenta il Presidente di Banca Nuova Marino Breganze – Banca Nuova prosegue il progetto iniziato nel 2009 in collaborazione con la Banque Centrale Populaire del Marocco, nella convinzione che il Marocco possa rappresentare un’area di grandi opportunita’ per il sistema imprenditoriale del Sud Italia. Compito del sistema finanziario, infatti, e’ quello di sostenere, in un momento cosi’ difficile per l’economia mondiale, la crescita del tessuto imprenditoriale dei due Paesi attraverso la creazione, a costi vantaggiosi, di nuovi scambi commerciali, favorendone le relazioni; tutto questo e’ reso possibile anche dall’accordo di collaborazione sottoscritto lo scorso dicembre tra l’Assessorato alle Attivita’ Produttive del Comune di Palermo e il Consolato Generale del Marocco.” “Abbiamo trovato una classe imprenditoriale molto propositiva – dice il vicepresidente di Confindustria Sicilia con delega all’internazionalizzazione, Nino Salerno – Ci sono prospettive interessanti in tutti i settori produttivi e, se consideriamo che tutta l’Africa ha un ritmo di crescita del 10-11 per cento, intraprendere relazioni commerciali con il Marocco diventa ancora piu’ interessante, perche’ partendo da qui sara’ possibile approdare anche nei paesi limitrofi. Leggo in modo molto positivo, infine, che due istituti di credito come la Banca popolare del Marocco e Banca Nuova si siano messe insieme per aiutare gli imprenditori a sviluppare progetti comuni”. “Internazionalizzare l’impresa non e’ un’opzione – sottolinea l’assessore alle Attivita’ produttive e sviluppo economico del Comune di Palermo, Marco Di Marco – E’ la scelta necessaria di chi vuole continuare a fare impresa da protagonista con un ottica che vada al di la’ del contingente. La presenza delle imprese siciliane sui mercati esteri risulta ad oggi prevalentemente legata al consueto modello di interscambio di beni e servizi. Un processo di internazionalizzazione, che vada oltre la formula import/export e’ sicuramente la carta vincente che le nostre aziende devono attuare nelle future strategie”. (ITALPRESS).



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites