Newsletter


Nome:

Email:

Chi è online

 416 visitatori online

Sei il visitatore n.



Archivio Notizie

Bonifica siti inquinati di interesse nazionale: agevolazioni alle imprese PDF Stampa
Mercoledì 05 Novembre 2014 10:41

Definite, con decreto del Ministero dello Sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, condizioni, modalità e termini di decorrenza per la concessione di un credito d’imposta in favore delle imprese che sottoscrivono accordi di programma volti a favorire la bonifica e la messa in sicurezza dei siti inquinati di

interesse nazionale e la loro riconversione industriale. Il decreto 7 agosto 2014, pubblicato nella G.U. del 2 ottobre 2014, attua quanto previsto nel decreto-legge n. 145/2013 (cd. decreto Destinazione Italia).

I siti d’interesse nazionale (SIN) sono aree del territorio nazionale definite in relazione alle caratteristiche del sito, alle quantità e pericolosità degli inquinanti presenti, all’impatto sull'ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico e di pregiudizio per i beni culturali ed ambientali. I SIN sono individuati con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, d’intesa con le regioni interessate. Differiscono dagli altri siti contaminati, tra l'altro, perché la loro procedura di bonifica è attribuita al Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che può avvalersi dell’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e di altri soggetti.

Le risorse stanziate per la concessione delle agevolazioni, nella forma di credito d’imposta, sono pari complessivamente a 70 milioni di euro, di cui 20 milioni per l'anno 2014 e 50 milioni per l'anno 2015, fatti salvi ulteriori stanziamenti disposti con appositi provvedimenti normativi.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese sottoscrittrici degli accordi di programma previsti dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, con le seguenti caratteristiche: siano proprietarie di aree contaminate o interessate ad attuare progetti integrati di messa in sicurezza o bonifica e di riconversione industriale e sviluppo economico produttivo delle citate aree; siano già costituite e iscritte al Registro delle imprese precedentemente alla data di sottoscrizione degli accordi di programma; abbiano ad oggetto l’esercizio esclusivo delle attività risultanti dall’accordo di programma sottoscritto; procedano all’acquisto dei beni strumentali previsti dalla norma successivamente alla sottoscrizione o adesione agli accordi di programma.

Non sono ammesse alle agevolazioni le imprese operanti nel settore creditizio, finanziario e assicurativo ed in altri settori specifici.   I contenuti del modello di istanza, nonché le modalità e i termini di presentazione saranno definiti con circolare del Direttore generale per gli incentivi alle imprese.



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites